VIAGGIO DI ULISSE (IL)
IL VIAGGIO DI ULISSE
dall’Odissea di Omero – regia di Girolamo Angione - a cura di Simone Moretto
Potremmo immaginare questo tessuto drammaturgico come un viaggio nel viaggio di Ulisse. Perché quello che conta è il viaggio: come quello di Ulisse, ogni viaggio è evidentemente una rappresentazione della vita, un viaggio interiore che ognuno deve intraprendere per trovare (o ritrovare) sé stesso, per affrontare e conoscere questioni decisive: la vita, il dolore, l’amore, la morte.
Omero ci racconta il viaggio più emozionante di tutti i tempi, quello di Ulisse per tornare a Itaca: da quando lascia Troia in fiamme e per dieci anni percorre in lungo e in largo i mari perdendo via via tutti i suoi compagni, tra creature mostruose, i ciclopi, la maga Circe, il canto delle Sirene, la dea Calipso, Nausicaa: avventure, pericoli, amori, gesti eroici e scelte temerarie, affrontate e superate con l’astuzia e il coraggio. L’Odissea, Insieme all’Iliade, rappresenta uno dei testi fondamentali della cultura classica.
Su quelle due grandi storie si fonda la narrativa occidentale. Sono le storie di tutte le storie, storie antiche come montagne. Tornare a leggerle, con attenzione e fedeltà, è stato un po’ come fermarsi a contemplare una montagna, oppure il mare. Il lavoro sull’Odissea è tanto impegnativo quanto carico di aspettative, come indica anche il bel segno scenico di Jacopo Valsania, ad accompagnare il desiderio di parlare con coraggio delle questioni decisive: la vita, il dolore, l’amore, la morte. È questa la ragione dell’attualità delle opere classiche. Funzionano sempre, perché hanno dentro il mondo intero.
Scegli la data e l'ora dell'evento tra quelle evidenziate e vai alla sezione Acquisto
Acquista biglietto - VIAGGIO DI ULISSE (IL) - mercoledì 27/10/2021 - 21:00



Siamo spiacenti, ma per accedere al sito è necessario abilitare il tuo browser all'esecuzione dei javascript.